Telefono e Fax
Tel: 0392873107 Fax: 039877831

I volontari nella riforma del Terzo settore

Mercoledì 10/02/2021

a cura di Studio Picozzi Commercialisti Associati


Nel contesto della riforma del Terzo settore, capitanata dal D.Lgs. n. 117 del 2017 (Codice del Terzo settore), particolare rilevanza assume la figura del volontario. Chi sono i volontari? Per quali tipologie di enti del Terzo settore sono necessarie le figure dei volontari e quali sono gli adempimenti connessi alla figura del volontario?

I volontari sono definiti dall'articolo 17 del codice del terzo settore.

Leggiamo quindi al comma 1 dell'art. 17 che gli enti del Terzo settore (ETS) possono avvalersi di volontari nello svolgimento delle proprie attività e sono tenuti a iscrivere in un apposito registro i volontari che svolgono la loro attività in modo non occasionale.

Appare quindi da una primissima lettura che la presenza dei volontari non sia obbligatoria per il funzionamento di un ETS generico, ma che ne sia una facoltà. Ciò è vero appunto per gli ETS generici, cioè quegli enti del terzo settore non derogati da norme specifiche sui volontari. Infatti, se l'ETS assume la forma di Associazione di promozione sociale (APS) o di Organizzazione di Volontariato (ODV), rispettivamente agli articoli 35 e 32 del Codice, troviamo che tali enti si avvalgono, per il raggiungimento della propria attività di interesse generale, in modo prevalente dell'attività dei volontari.

Ciò significa che se per un ETS generico il volontario è una figura non indispensabile, lo è invece per APS e ODV.

Il Codice non si ferma qui e, nel definire le modalità e i limiti di erogazione di stipendi e compensi negli enti APS e ODV, afferma che tali enti possono assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo o di altra natura esclusivamente nei limiti necessari al loro regolare funzionamento oppure nei limiti occorrenti a qualificare o specializzare l'attività svolta. In ogni caso, il numero dei lavoratori impiegati nell'attività non può essere superiore al cinquanta per cento del numero dei volontari (o al 5% del numero dei soci). C'è quindi un limite quantitativo al numero dei lavoratori impiegati da APS e ODV, che fa riferimento al numero dei volontari impiegati.

Va da sé che per APS e ODV, il ricorso ai volontari sia fondamentale per il funzionamento dell'attività dell'ente, pena la perdita dei requisiti APS/ODV e la ricollocazione in un'altra sezione del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS).

La definizione tecnica di volontario sta però nell'art. 17 comma 2, laddove si definisce il volontario come una persona che, per sua libera scelta, svolge attività in favore della comunità e del bene comune, anche per il tramite di un ente del Terzo settore, mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per promuovere risposte ai bisogni delle persone e delle comunità beneficiarie della sua azione, in modo personale, spontaneo e gratuito, senza fini di lucro, neanche indiretti, ed esclusivamente per fini di solidarietà.

Sul punto, è stato chiarito dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con specifica nota del 09/07/2020, che si considera volontario non solo chi svolge l'attività di interesse generale, ma anche chi è investito della titolarità di una carica sociale (nel consiglio direttivo) di un ETS, ovviamente senza la percezione di un compenso (peraltro vietato, nel caso di ETS che assuma la forma di ODV).

Infatti, l'attività del volontario, si legge al comma 3 dell'art. 17, non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario diretto della prestazione. Al volontario possono essere rimborsate dall'ente del Terzo settore tramite il quale svolge l'attività soltanto le spese effettivamente sostenute e documentate per l'attività prestata, entro limiti massimi e alle condizioni preventivamente stabilite dall'ente medesimo, probabilmente da definire con apposito regolamento. Sono in ogni caso vietati rimborsi spese di tipo forfetario.

Attenzione, il comma 1 dell'art. 17 tiene a specificare che l'attività prestata dal volontario deve essere non occasionale, inoltre, ai sensi del comma 6, non si considera volontario l'associato che occasionalmente coadiuvi gli organi sociali nello svolgimento delle loro funzioni.

Ancora, la qualità di volontario è incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di lavoro retribuito con l'ente di cui il volontario è socio o associato o tramite il quale svolge la propria attività volontaria. Banalmente: un volontario non può essere contemporaneamente anche lavoratore dipendente dell'ente per il quale presta la sua attività.
 

Adempimenti connessi alla presenza di volontari nell'ETS:
  1. Assicurazione obbligatoria (art. 18 del Codice del Terzo settore): gli enti del Terzo settore che si avvalgono di volontari devono assicurarli contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell'attività di volontariato, nonché per la responsabilità civile verso i terzi.
  2. Libro dei volontari (art. 17 comma 1 del Codice del Terzo settore): gli enti del Terzo settore (ETS) possono avvalersi di volontari nello svolgimento delle proprie attività e sono tenuti a iscrivere in un apposito registro i volontari che svolgono la loro attività in modo non occasionale.
ULTIME NEWS
Oggi
(dal sito del Garante) Con l’arrivo dei vaccini anti-Covid-19 si discute dell’opportunità...
 
Oggi
Entro martedì 16 marzo 2021, i sostituti d’imposta devono consegnare ai percipienti...
 
Oggi
Fino al 31 marzo 2021 le imprese potranno presentare le domande per usufruire del credito d'imposta pari...
 
Oggi
Con Provvedimento del 28 febbraio 2021 l'Agenzia delle Entrate ha disposto un'ulteriore proroga...
 
Ieri
Anche nell'esercizio 2021 è possibile usufruire del credito d'imposta pubblicità. A tal fine tra...
 
Ieri
Con Provvedimento del 15 gennaio 2021 l'Agenzia delle Entrate ha approvato la Certificazione Unica "CU...
 
Ieri
L’articolo 81, comma 1, del Decreto "Agosto", convertito con modificazioni dalla legge...
 
Venerdì 26/02
Le risorse umane sono la vera ricchezza delle aziende e degli studi professionali, e un progetto di sviluppo...
 
Venerdì 26/02
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 44 del 22 febbraio 2021 è stato pubblicato il Decreto del Ministero...
 
Venerdì 26/02
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato il documento...
 
Giovedì 25/02
Abbiamo pubblicato ISA 2021: invio email automatizzata di modello e istruzioni, software in MS Excel...
 
Giovedì 25/02
L'articolo 121 del Decreto "Rilancio" ha previsto che, per il Superbonus e le detrazioni spettanti per...
 
Giovedì 25/02
Il 23 febbraio la Camera ha approvato il disegno di legge di conversione del decreto recante disposizioni...
 
Giovedì 25/02
Dal 1° marzo 2021, come stabilito dal Decreto "Semplificazioni", per accedere ai servizi telematici...
 
Mercoledì 24/02
Con Decreto 2 febbraio 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19-02-2021 - Supplemento Ordinario...
 
Mercoledì 24/02
Con la Risposta n. 123 del 22 febbraio 2021 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti circa...
 
altre notizie »
 

RE.CO. SERVICE SAS

STUDIO PIROLA

Via Alessandro Manzoni, 31 - 20861 Brugherio (MB)

Tel: 0392873107 - Fax: 039877831

Email: info@reco.mi.it

P.IVA: 02610040962

Via Alessandro Manzoni, 31 - 20861 Brugherio (MB)

Tel: 0392874061 - Fax: 039877831

Email: massimopirola@reco.mi.it

Pagina Facebook