Telefono e Fax
Tel: 0392873107 Fax: 039877831

Il ritorno del BTP Italia: dettagli della nuova emissione tra il 18 e il 21 maggio 2020

Giovedì 14/05/2020

a cura di Dott. Gianmaria Vianova
Tra il 18 e il 21 maggio avrà luogo la sedicesima emissione dei BTP Italia, l'obbligazione del Tesoro italiano che strizza l'occhio alla clientela retail. La nota tecnica pubblicata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze presenta un titolo eloquente: "Emissione Maggio 2020 dedicata all'emergenza Covid-19". Con questo prodotto dalle caratteristiche peculiari il Mef si rivolge direttamente ai singoli cittadini italiani, nel tentativo di movimentare e dare una destinazione al risparmio privato "liquido" nazionale. Destinazione che, in questa complicata fase di crisi, sarà inevitabilmente il finanziamento dell'extra-deficit che l'Italia inevitabilmente registrerà alla fine del 2020: "Emissione dedicata a finanziare le spese dei provvedimenti adottati dal Governo per fronteggiare l'emergenza da Covid-19. I provvedimenti di aumento del fabbisogno di cassa del Settore Statale che questa emissione contribuirà a finanziare saranno indicati nel Decreto di Emissione".

Questo BTP avrà una vita di 5 anni, quindi scadenza il 26 maggio 2025, taglio minimo 1.000 euro e come ogni Buono del Tesoro Poliennale staccherà una cedola semestrale. Insieme ai BTP€i è l'unica obbligazione emessa dalla Repubblica Italiana ad offrire un tasso cedolare indicizzato all'inflazione (il BTP€i a quella europea, il BTP Italia a quella italiana). La cedola sarà quindi semestrale e indicizzata all'indice FOI esclusi i tabacchi, corrisposta in via posticipata e calcolata moltiplicando il tasso cedolare semestrale reale fisso per il capitale rivalutato. Il BTP Italia garantisce inoltre un floor su cedola e capitale tale per cui, in caso di deflazione sopravvenuta nel semestre (prospettiva da non escludere alle previsioni attuali) la cedola dello stesso semestre viene calcolata moltiplicando il tasso cedolare semestrale reale fisso per il capitale nominale non rivalutato. Per questa emissione è stato raddoppiato il premio di fedeltà destinato a coloro che sottoscriveranno i BTP nella prima fase di collocamento e lo deterranno fino a scadenza: sarà pari all'8 per mille lordo. Uguale a qualsiasi altro BTP è il regime fiscale al quale è sottoposto, ovvero l'aliquota del 12,5%.

I BTP Italia saranno emessi attraverso il mercato regolamentato elettronico MOT gestito da Borsa Italiana e vedranno diverse fasi di collocamento. La prima fase avrà luogo dal 18 al 20 maggio, durante la quale potranno partecipare i risparmiatori individuali e altri affini. Per agevolare la sottoscrizione il Mef ha previsto tre intere giornate di sottoscrizione, senza facoltà di chiusura anticipata: sarà garantito il pieno soddisfacimento delle domande pervenute a prezzo fisso pari a 100. Durante questa prima fase non potranno partecipare investitori istituzionali residenti all'estero. Potranno partecipare invece: persone fisiche, clienti professionali su richiesta, società di gestione autorizzate alla prestazione del servizio di gestione su base individuale di portafogli di investimento, intermediari autorizzati abilitati alla gestione dei portafogli, società fiduciarie che prestano servizi di gestione di portafogli di investimento. Chi sottoscriverà i BTP Italia in questa fase, con taglio minimo di 1.000 euro, e manterrà ininterrottamente la titolarità dei BTP Italia fino a scadenza potrà beneficiare del premio fedeltà. Il premio sarà pari allo 0,8% del valore nominale acquistato all'emissione. Durante questa prima fase sarà possibile acquistare per il tramite della banca dove è detenuto il deposito titoli, via sportello, via home banking oppure tramite gli uffici postali.

La seconda fase avrà invece luogo il 21 maggio, durante la quale saranno ammessi tutti i soggetti esclusi dalla prima fase. Tra le categorie ammesse anche imprese di grandi dimensioni che presentano a livello di singola società almeno due dei seguenti requisiti: 20 milioni di euro di totale di bilancio, 40 milioni di euro di fatturato netto e 2 milioni di euro di fondi propri. Taglio minimo per questa seconda fase "istituzionale" sarà di 100.000 euro.

Venerdì 15 maggio verrà comunicato il tasso cedolare reale annuo minimo garantito: il rendimento del BTP a 5 anni "classico" attualmente è inferiore all'1,5%. All'apertura dell'ultimo giorno del periodo di collocamento sul MOT (ore 10 del 21 maggio) verrà comunicato il Tasso cedolare reale annuo definitivo tramite Comunicato Stampa. Il regolamento dell'operazione avverrà martedì 26 maggio.
ULTIME NEWS
Ieri
Il Ministero del Lavoro con nota 4344 del 19 maggio 2020 ha testualmente stabilito, in materia di impiego...
 
Ieri
Il contribuente residente all'estero e domiciliato fiscalmente in Italia non può portare in deduzione...
 
Ieri
Il reato di indebita compensazione di crediti non spettanti o inesistenti, di cui all'art. 10 quater...
 
Ieri
Nel documento "Le disposizioni in materia di Società, Enti e Giustizia", a cura del Consiglio Nazionale...
 
Giovedì 28/05
In un documento precedente avevamo illustrato le disposizioni che sarebbero entrate in vigore il 1°...
 
Giovedì 28/05
La Fondazione Nazionale Commercialisti ha pubblicato un documento nel quale analizza in dettaglio le...
 
Giovedì 28/05
Sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate è stata aperta una consultazione pubblica sulla bozza di...
 
Giovedì 28/05
Sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati gli elenchi definitivi dei soggetti...
 
Giovedì 28/05
Sul sito internet della Fondazione Nazionale dei Commercialisti è stato pubblicato il documento "Le...
 
Mercoledì 27/05
L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un vademecum in cui vengono illustrate le disposizioni contenute...
 
Mercoledì 27/05
L'Art. 154 del Decreto "Rilancio" introduce una serie di modifiche all'art. 68 del decreto...
 
Mercoledì 27/05
L'Agenzia delle Entrate, con una risposta fornita sulla propria rivista telematica FiscoOggi, precisa...
 
Martedì 26/05
L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un vademecum in cui vengono illustrate le disposizioni contenute...
 
Martedì 26/05
L'art. 26 del Decreto Rilancio prevede una misura per incentivare il rafforzamento patrimoniale di società...
 
Martedì 26/05
Con la Risoluzione n. 26 del 21 maggio scorso l'Agenzia delle Entrate ha ridenominato i codici tributo...
 
altre notizie »
 

RE.CO. SERVICE SAS

STUDIO PIROLA

Via Alessandro Manzoni, 31 - 20861 Brugherio (MB)

Tel: 0392873107 - Fax: 039877831

Email: info@reco.mi.it

P.IVA: 02610040962

Via Alessandro Manzoni, 31 - 20861 Brugherio (MB)

Tel: 0392874061 - Fax: 039877831

Email: massimopirola@reco.mi.it

Pagina Facebook